Quando viene a mancarmi una buona dose di estro mi rivolgo sempre all’oracolo dell’agenzia. Alcuni esperti o professionisti del settore lo chiamano direttore creativo, io no.

Ma come per il soldato che chiese consiglio alla Sibilla il cui esito fu: “Ibis, redibis, non morieris in bello” (Andrai non morirai in guerra) così anche io, al suo “Scrivi un pezzo sul web design, su come influenza la comunicazione all’interno dell’agenzia”. Mi son detta: “E che faccio parto?” Morirò in guerra? Non ritornerò, Andrò… 

Io parto, poi…

Entrata in Shape Beyond Graphic, il boss (che solo per averlo chiamato così, mi punirà lo so, con una canzone di Nilla Pizzi a mille mila decibel) si informa sulle mie conoscenze in merito alle caratteristiche di un’agenzia di comunicazione integrata. Partiamo dalle parole che avrai sentito più spesso, web designer, graphic designer, social media, marketing…

Bene a livello di memoria uditiva ci sono. Ma il web designer rientra in una di quelle categorie da me sempre ignorate, al pari del colonnello delle forze speciali del SIS, del maitre chocolatier o del coreografo degli umpa lumpa, tuttavia ho dovuto fare pace con la realtà e azzardare qualche risposta alla domanda : “E sai di cosa si occupano?”

Ecco, lo sapevo che avrei confuso il web design con il graphic design. In fin dei conti non fanno altro che disegnare un sito web.

In pratica il secondo progetta e costruisce un’interfaccia grafica del sito che poi il web designer dovrà tradurre in codici(?) Il graphic designer macina immagini, grafica (web e non), marchi, loghi, strutture ecc. e il web designer “mette a posto le cose”.

Oh, misericordia era meglio se avessi provato ad arruolarmi nei corpi speciali di cui sopra.

Il team della web agency elabora l’analisi,  assieme al cliente, del prodotto e degli obiettivi da raggiungere, si prepara la bozza del sito , si converte il tutto in codici web, e infine, si collauda l’effettivo funzionamento. Altrimenti detto, per quel che riguarda il mio mondo incantato: non c’è web agency che funzioni senza il lavoro di sintesi del web designer. Questo perché, collaborando con gli altri esperti (web marketing, social media, copywriter & others) architetta il miglior modo di comunicare le esigenze dell’agenzie e le esigenze del cliente.

  • E’ il master che elabora la struttura della persuasione; sulla base di quello che il cliente vuole, accordando con quello che davvero gli serve, offrendo al pubblico quello che non sa ancora di desiderare, il tutto senza alcuna manifesta imposizione.
  • Si muove dal particolare al generale, conosce i singoli elementi che caratterizzano, le esigenze del cliente, le caratteristiche del prodotto (o del servizio) , l’ambiente in cui si inserisce, le modalità e gli stili di comunicazione in relazione anche ai competitor,  nonché la psicologia e le tendenze dell’utilizzatore finale.
  • Conosce, a differenza degli altri che solo li nominano, l’importanza di parole come fattibilità, usabilità e accessibilità,  perché elabora le informazioni per utenti reali, personalizzandole,  e in modo da scegliere la strategia che possa abbracciare il più ampio bacino di utenza e visibilità.
  • Non esiste un web designer che non sia un esperto sul funzionamento dei motori di ricerca di SEO, di linguaggi di marketing oltre che di programmazione, webdesign, tecniche di progettazione grafica e suoi software applicativi, multimedialità.

Conosce un po’ di questo e un po’ di quello, mette il becco ovunque, perché pensa di poter fare tutto lui.  Attorno a lui si crea l’immagine che l’agenzia vuole dare all’esterno di sé stessa e dei vari progetti che intraprende.  Chiaro è che il team è imprescindibile.
Ma senza sarebbe come andare a visitare la fabbrica di cioccolato e non trovare gli Umpa Lumpa.

Quali sono le caratteristiche che un web designer non deve assolutamente nascondere? Cosa ho omesso e/o cosa ho sopravvalutato, secondo voi?

Laura Trapasso

Aspirante scrittrice cinica e puntigliosa, con il perenne blocco dello scrittore (dice lei). Con la sola imposizione delle dita è capace di dare luce ad argomenti nuovi, mai banali, e di renderli leggeri e adatti ad ogni lettore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.