Siamo giunti alla fine di questo lungo viaggio. E’ stata dura, ma ce l’abbiamo fatta. Insieme. Mica micio micio bau bau. Vedessi quant’era contento Shape! Dove sarà in questo momento? Chissà! A noi non resta che seguire l’ultimo episodio per capire com’è andata.

 

Ebbravo Shape! Finalmente, dopo infinite peripezie, è riuscito a portare a termine l’organizzazione del suo viaggio e dare forma al suo sogno: raggiungere Piano di Comunicazione!

Uff, pant, alf. Che faticaccia. Ce n’è voluto, ma n’è valsa la pena!

piano-di-comunicazione-in-viaggio-con-shape-ultimo-vittoria

Del resto si sa: il sacrificio rende le cose più saporite. Ti lascio dunque immaginare la bontà del viaggio che si sta godendo la cara mascotte, alla faccia nostra. A noi, che continuiamo a lavorare intensamente, non resta che aspettare impazienti il suo rientro, nella speranza torni carico di souvenir, racconti, e soprattutto foto.

Ecco, le foto. Sono loro la principale testimonianza di un viaggio.

Sono o non sono loro a congelare i nostri ricordi? Sono lo “strumento” attraverso il quale, a consuntivo, traiamo le nostre conclusioni sul viaggio. Perché – gira che ti rigira – qualche domanda alla fine ce la poniamo sempre: è andato bene? è andato male? poteva andare meglio?

Ma non è finita qui. Perché per ogni viaggio che finisce uno nuovo sta per iniziare.

piano-di-comunicazione-in-viaggio-con-shape-ultimo-partire

Predisporre un Piano di Comunicazione aziendale è come dare vita a un ciclo che si autoalimenta continuamente: una volta giunto alla fase finale si misura e verifica il risultato – altresì detto feedback o report. Sarà lui a illuminare i processi di gestione aziendali, suggerendo le migliorie da apportare nel ciclo successivo.

In che modo? Semplice! Confrontando obiettivi prefissati e risultati effettivamente conseguiti.

piano-di-comunicazione-in-viaggio-con-shape-ultimo-misurare

L’attività di verifica è però l’ultima ruota del carro. La tua strategia, sia essa di breve, medio o lungo termine, deve essere costellata da momenti di monitoraggio periodici check points – attraverso i quali svolgere contestualmente funzione di indirizzo operativo nella fase ex-ante, nonché la valutazione dello stato di avanzamento dei lavori ex-post. Lo scopo è “prendere il problema per tempo”: nel malaugurato caso le cose non dovessero andare bene devi essere in grado di intervenire tempestivamente per “riportare il treno sui binari”.

Raccolta di dati e informazioni. Per la serie: butta tutto qui, che poi qualcosa esce fuori.

I dati raccolti saranno successivamente oggetto di elaborazione e disciplinata rappresentazione: statiche, grafici, numeri, percentuali, e chi più ne ha più ne metta. Ebbene sì: in questa fase dimentica la magia del viaggio. Pensa solo a osservare, raccogliere, documentare. E poi? Eppoi incrocia le dita, sperando che sia andato tutto per il verso giusto. Altrimenti ti troverai con un paio di pive nel sacco. Non so se rendo l’idea.

Innanzitutto a portare a casa il risultato – e no, non si tratta di una partitella di calcio. Si tratta di farti tornare a casa con un sacco di patate. Altro che un paio di pive! E’ un vero e proprio investimento. In Agenzia me ne rendo conto giorno dopo giorno: per il cliente – per te – investire in comunicazione sembra un ossimoro, un accostamento insensato. E invece fidati se ti dico che solo con una strategia di comunicazione ben pensata, pianificata e concretamente realizzata, sarà possibile portare a casa il risultato. E’ vero, potresti ottenere una vittoria anche senza. Ma sono sicuro che non avresti lo stesso livello di performance.

Perché ci sono sempre margini di miglioramento. Che probabilmente neanche tu sai di avere.

piano-di-comunicazione-in-viaggio-con-shape-ultimo-migliorare

Poi verrà il tuo turno di farti un bel viaggio. Esatto, perché coi risultati che sarai in grado di ottenere, ovvero con la moneta sonante che finirà nella tua cassa, potrai finalmente concederti lo sfizio di viaggiare. Tornerai a casa con tante nuove idee, con le quali dare vita a un nuovo Piano di Comunicazione. E così via, alla conquista del mondo. Oddio! Il mondo forse no, ma quanto meno la tua soddisfazione personale avrà di che giovarsi. Hai detto niente!

Shape è tornato dalle vacanze, stremato ma entusiasta. Adesso tocca a te. Non farti sfuggire l’occasione: viaggia, vai lontano!

Da parte nostra – e di Shape – buon viaggio. E che il Piano di Comunicazione sia con te!

Crediti: a03575pruzickausnavyfdecomitea4gpa

Matteo Malacaria

Appassionato di web communication, guerrilla marketing e pubblicità emozionale. Affascinato dalla comunicazione d’impresa, mentre della birra artigianale ci sono rimasto sotto. Qualsivoglia cosa nel tempo libero – se ne rimane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.