Le 4 P del Marketing Mix? Acqua passata! Si presenta in tutte le salse, ma alla fine è sempre la solita minestra scaldata. Mi sono dunque adoperato ai fornelli e ho inventato la mia personale ricetta, utilizzando quattro gustosi ingredienti. Il primo è…

 

Le 4 P del Marketing Mix sono uno dei sacri pilastri del Marketing. Si tratta di 4 magiche paroline – ciascuna delle quali inizia con lettera P – ciascuna delle quali una diversa leva decisionale su cui un’impresa può giostrare per promuovere il proprio Brand.

In soldoni, si tratta di 4 differenti variabili attraverso le quali spingere in alto le vendite.

Prodotto, Prezzo, Promozione e Distribuzione – per la quarta P bisogna considerare il corrispondente termine inglese, Place. Ciascuna di queste è una delle chiavi delle diverse porte disseminate sulla via del successo, conservate con cura alla cintola del responsabile marketing dell’impresa di turno. Ma quella di oggi non vuole essere – Dio sia lodato! – l’ennesima, solfa su quel popò di roba che è il Marketing. Vuole bensì essere una rivisitazione della famosa mistura secondo il mio punto di vista, la mia personalissima ricetta per il successo del tuo Brand.

Una ricetta? Esatto, perché con lo stomaco pieno si ragiona meglio! E siccome alla comunicazione alimentare sono squisitamente votato, ecco che le fantomatiche 4 P diventano prelibate pietanze, alcune tra quelle a me – o meglio, alla mia pancia – più care in assoluto. La prima? La P di Pane.

Un tozzo di pane secco con tranquillità è meglio di una casa piena di banchetti festosi e di discordia – Salomone

marketing-mix-pane

Il Pane è uno degli alimenti alla base della dieta mediterranea, quella che tutto il mondo ci invidia – e che sì, proprio noi italiani siamo stati capaci di rovinare. E’ il cibo di tutti e per tutti, adatto a ogni momento; è fragrante alimento capace di rappresentare un pasto frugale e, allo stesso tempo, un piatto da re . Ti confesso un segreto: amo il pane tostato, il suono del crunch crunch, la sensazione di croccantezza sotto i denti. E’ la base del (mio) Marketing Mix, corrispondente alla P di Prodotto. Vuoi rendere anche il tuo pane super croccante? Contattaci! 

Per un addetto alla comunicazione il prodotto è il cibo dell’anima, nonché l’anima stessa. E’ l’essenza e l’essenziale, l’ingrediente senza il quale è impossibile riuscire a realizzare contenuti gustosi, in forme e sapori diversi ma comunque ugualmente deliziosi.

Il prodotto – sia esso bene o servizio – è destinato a soddisfare specifici bisogni.

Deve quindi essere competente e competitivo nel suo settore, nonché affidabile come persona – senza non si va da nessuna parte. Ma prima ancora deve sapere comunicare, appunto. E per farlo come si deve ho scoperto, dopo lunghe ed estenuanti ricerche che neanche ti sto a raccontare, che l’ingrediente segreto è l’originalità dei contenuti.

Content is king, si dice nel gergo.

Indipendentemente dalle tue superbe capacità narrative e dall’onnipresente presenza su millemila social – che fa giustamente dubitare i tuoi amici del possesso del dono dell’ubiquità – la base di tutto è il contenuto, ciò di cui parli prima ancora del modo in cui lo fai.

Basta con pietanze trite e ritrite, tristissimi passati di verdure di colore lercio e copia-incolla della ricetta della nonna! Per carità, nulla da eccepire sulla bontà, ma stiamo parlando di gusti di un’altra generazione.

C’è bisogno di nuovo, di fresco, di vivo! Occorre originalità nelle tue ricette, occorrono estro e fantasia, tanto in padella quanto sulla tastiera.

Sii dunque ostinatamente originale, sfacciato e irriverente. Anche un pizzico presuntuoso, ché non c’è vergogna nello scrivere articoli seguendo l’istinto. Di certo è meglio che limitarsi a trascrivere quanto già fatto in precedenza da altri – caro mio, il lavoro degli amanuensi è roba di qualche migliaio d’anni fa. Bada bene: l’esercizio è utile, ma non deve divenire un obbligo stringente. Non esiste infatti cosa più terribile dell’originalità finta, che si sforza a tutti i costi di esserlo – come il sorriso a 32 denti nelle foto di rito, per intenderci.

Gli ingredienti sono sempre gli stessi, è come si compongono assieme a fare la magia.

Una pagnottella di pane, per esempio, abbisogna di anni per imparare a impastarla come si deve. Ma vuoi mettere il piacere che il prodotto da forno per eccellenza è capace di regalare ai sensi? Il pane (prodotto) è il cibo dell’anima, l’originalità della ricetta è l’essenza della comunicazione efficace. Sappi usarla con parsimonia. E buon appetito!

Matteo Malacaria

Appassionato di web communication, guerrilla marketing e pubblicità emozionale. Affascinato dalla comunicazione d’impresa, mentre della birra artigianale ci sono rimasto sotto. Qualsivoglia cosa nel tempo libero – se ne rimane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.