C’è una domanda che tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo posti: perché i panini di Mc Donald’s non somigliano affatto alle foto pubblicitarie? Semplice, fotoritocco a gogò! Un gustoso caso di comunicazione aziendale, di successo.

comunicazione-aziendale-real-burgersStuzzicanti, appetitosi, seducenti. Sono i super panini di Mc Donald’s: perfetti nel sapore, ma ancor prima nell’aspetto – chi dice che l’abito non fa il monaco? Una composizione praticamente perfetta, una sapiente scelta di ingredienti e un accostamento di colori tali da renderli irresistibili.

Fanno bella mostra di sé lì, sui manifesti 6×3 che tappezzano la città. Mai l’avessi visti, viene l’acquolina in bocca solo a guardarli! A questo punto, è inutile tentare di opporsi: devi farlo, devi concederti questo peccato di gola – ché non se ne parla proprio di tornare a casa a stomaco vuoto. E allora, Mc Donald’s sia.

Ci avrai messo quanto: mezz’ora? tre quarti d’ora? Chissene! Quello che importa è che ci sei, sei lì davanti la porta che ti separa dal tanto meritato paninazzo. Entri, fai la fila – e te pareva? Quella non manca mai! – e ordini il tuo bel panino succulento. Peccato che, una volta aperta la confezione, ti accorgi che non è lo stesso della pubblicità. O meglio, è lo stesso, solo che c’è il trucco. Un trucco che si chiama ritocco fotografico.

Era difficile credere che potessero esistere panini tanto perfetti . Mc Donald’s c’è riuscito, ma artificiosamente, attraverso una caterva di lavoro grafico. Non è il classico ritocco fotografico, ma un intervento estetico a tutti gli effetti, che coinvolge persino il “truccatore” dei panini,(food stylist) – credevate che il porno food fosse uno scherzo? Il panino viene trattato come una modella: entra in un centro benessere, si lascia curare, truccare ed esce fuori tutto ringalluzzito, pronto a fare strage di cuori, pardon… di stomaci. E’ così che una “semplice” fotografia, diventa la punta di diamante di una strategia di comunicazione aziendale di successo.

Com’è avvenuta questa fuga di notizie sui celeberrimi panini? In realtà non v’è stata alcuna fuga. Sono bastati una fanpage, la fantomatica domanda da parte di una ragazza, e Mc Donald’s che, cogliendo la palla al balzo, pubblica per tutta risposta un video che descrive accuratamente “l’intervento chirurgico” cui sottopone i panini.

Qualche riflessione sul tema del ritocco fotografico adottato da Mc Donald’s.comunicazione-aziendale-mcdonalds

  • L’utilizzo della fotografia in pubblicità. I contenuti visivi si evolvono di pari passo con l’innovazione, raggiungendo traguardi prima inimmaginabili. ovvero bellezza sublime per gli occhi, ma anche capacità persuasive devastanti, alle quali è difficile – se non impossibile – opporre resistenza.
  • Trasparenza come chiave strategica di comunicazione aziendale. Apertura nei confronti della clientela, instaurazione di un dialogo con i consumatori. E’ il potenziale di questi strumenti che ha convinto Mc Donald’s a “svelare le carte”. E la scelta è stata assolutamente vincente!
  • La Rete dà voce alle persone. Se la ragazza non fosse ricorsa al web per fare la (scomoda) domanda, non avrebbe mai ricevuto risposta. In Rete il “potere” del singolo cresce attraverso l’aggregazione,al punto che il mondo intero diventa testimone dell’attività aziendale. Un confronto al quale non ci si può tirare indietro, ma che rappresenta anzi un’opportunità. Che Mc Donald’s non si è di certa lasciata sfuggire.

Ho scoperto che il panino in foto è ritoccato? So what! Lo mangio lo stesso, innanzitutto perché è buonissimo – sul contenuto forse è meglio mantenere il beneficio del dubbio.

Ma soprattutto perché non mi sento truffato o raggirato, anzi. Hanno dato valore alla mia opinione, sono stati trasparenti nei miei confronti. E’ questa la base di una comunicazione aziendale di successo, l’atteggiamento giusto per fidelizzare con la clientela. 

Tu, azienda, che strategia di comunicazione aziendale adotti? Non ti sto chiedendo di essere come Mc Donald’s – impossibile per te, ma anche per me che dovrei affiancarti nella titanica impresa – ma quantomeno offri contenuti di valore. Sii trasparente, dialoga, confrontati alla pari. Ti posso assicurare che ripaga, alla grande, ché non c’è modo migliore per fare breccia nel cuore delle persone. E ricorda: un cliente fedele vale molto di più di tanti allegri girovaghi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.