Il titolo del post è frutto della creatività di Roberta Zanella. Grazie…

Un’agenzia di pubblicità si avvale generalmente di un team di creativi che dà forma alla campagna di comunicazione e passa le idee ai grafici.

I grafici vengono coinvolti in varie fasi: nella iniziale presentazione delle idee, nelle revisioni e nella fase finale. La natura specifica dello sviluppo della campagna varia da un’ agenzia di pubblicità all’altra ma ci si può aspettare quanto segue:

I creativi

Il team creativo è costituito da direttori artistici che realizzano i lavori e da copywriter che determinano impiego e formulazione dell’idea. Entrambi rispondono ai direttori creativi, che controllano la direzione complessiva della campagna insieme ai responsabili finanziari e di pianificazione. Direttori artistici e copywriter spesso lavorano come un’unica squadra, secondo un approccio nato a New York negli anni ’60. Queste tre figure professionali richiedono nozioni di design grafico ed è esattamente con questo gruppo, spesso definito semplicemente i “creativi”, che lavorano gli specialisti della grafica, della tipografia e del design dei marchi. I grafici devono garantire che la campagna pubblicitaria appaia coerente con le altre applicazioni del marchio e dell’identità aziendale.

Gli assistenti

La campagna di comunicazione è spesso collegata e coordinata con altre aree della costruzione del marchio, come prezzi promozionali e pubblicità più mirata. Di solito viene negoziata tra l’ufficio marketing dello stesso committente ed il team che gestisce il progetto, composto dal direttore creativo, dall’account che traduce le aspettative del cliente in direttive per i creativi, e dai responsabili finanziari che controllano l’aspetto finanziario della campagna di comunicazione. In ogni agenzia di pubblicità, i grafici saranno in contatto con chi gestisce le tempistiche del progetto, con assistenti che coordinano, tipografi, illustratori, animatori e specialisti dell’impaginazione. I commerciali si occuperanno invece di acquistare tabelloni per le affissioni e spazi pubblicitari all’interno di giornali o di altri media.

Analizziamo ora nel dettaglio alcune di queste figure:

  • L’account

Questa persona all’interno di un’agenzia, è la figura che mantiene i contatti con l’azienda cliente e deve essere in grado di interpretarne i bisogni prima che essi si presentino, deve fornire soluzioni immediate e vincenti e deve formulare gli obiettivi e le strategie di comunicazione con il contributo di altri specialisti creativi. L’account, attraverso i briefing analizza gli obiettivi che il cliente vuole ottenere in termini di pubblicità e di marketing. Dopo, provvede a trasmetterle ai colleghi dell’agenzia che ne svilupperanno la campagna.

  • Il direttore creativo

Questa persona dirige il reparto creativo dell’agenzia e coordina il lavoro delle coppie creative (art e copy), e si occupa di verificare che i progetti elaborati siano in conformità con gli obiettivi di marketing e di comunicazione prefissati. Al direttore creativo, spetta inoltre,  il compito di tracciare, grazie alle informazioni emerse dal briefing, le linee guida per l’ideazione dei progetti creativi.

  • Il direttore artistico ed il copywriter

All’interno di un’agenzia pubblicitaria, il direttore artistico è la figura preposta alla creazione visuale del messaggio. Insieme al copywriter, che si occupa della creazione della parte scritta della campagna, formano la coppia creativa, dovuto al fatto che questi professionisti vivono in simbiosi, lavorando in modo complementare. Sono loro che hanno il compito di concretizzare in parole ed immagini il messaggio. Le modalità operative prevedono l’interfacciamento di queste figure con l’account ed il direttore creativo, per poi proseguire con il vero e proprio processo creativo.

Con l’avvento dei nuovi media, quali i social e quindi con il passaggio al web 2.0, sono nate altre figure professionali che entrano di diritto e dovrebbero occupare  posizioni di rilievo, a mio avviso, in un’agenzia di pubblicità. Ecco qui una lista di queste nuove professionalità:

  • Community manager
  • Content manager
  • Watchman
  • Social media architect
  • Social business developer
  • Social media manager
  • Social media planner
  • Social media optimizer
Spero che l’articolo ti sia stato utile e ti lascio con una domanda: per quale di queste figure professionali ti senti più portato e vorresti avere quindi maggiori informazioni?

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.