Vuoi vendere il tuo Brand? iImpara prima a “vendere” te stesso! Ecco un esempio di chi ha unito la sua personalità alle potenzialità dei social media, dando vita a un video curriculum creativo. Così efficace da valere l’assunzione!

 

Avevo preparato questo articolo già da un po’. Obiettivo: un’iniezione di fiducia “ai tempi della crisi”. Nel frattempo, Cristiana ha pubblicato Venerdì un articolo dedicato alla Brand Identity. Anche questo consiglia di essere sé stessi, per avere successo. Oibò, che il destino voglia dirci qualcosa? Fatto sta che quella di oggi è una  storia bella, ma bella davvero! Una ventata di ottimismo che porta con sé i freschi profumi della speranza. E’ la SUA storia. Sto parlando di Giulia Marino, giovane ragazza di 24 anni. E’ proprio lei la fortunata vincitrice del concorso regionale “That’s ME!”, promosso dall’Agenzia per il Lavoro Openjobmetis, in collaborazione con la Callipo Group. E sai cosa c’è di nuovo? Che la cara Giulia, oltre a essermi coetanea, è anche mia conterranea – ebbene sì, è calabrese (Lamezia Terme).

«Sono sempre stata ambiziosa, ma allo stesso tempo consapevole delle scarse chance di lavoro, soprattutto al Sud. Perciò ero combattuta tra il desiderio di scappare e quello di restare, visto il legame che ho con la mia terra.»

Ha avuto coraggio, e – per fortuna – ha deciso di rimanere in patria. Il suo problema è lo stesso che riguarda un po’ tutti noi italiani. Soprattutto chi, giovane di primo pelo come me, si affaccia al mondo del lavoro per la prima volta. Ricordo bene le mie perplessità, dominate dalla triste convinzione che difficilmente un pezzo di carta mi sarebbe valso l’assunzione. Sai qual era il mio dubbio più feroce? Non sapere come poter emergere in mezzo al marasma rappresentato da orde di disoccupati. Anche a te è capitata la stessa cosa? Senti a me: visibilità, ecco quello che ci vuole!

Non posso darti la ricetta del successo – a patto che ne esista una – ma ti posso assicurare che, nella vita professionale come in quella personale, essere fedeli a sé stessi ripaga. Insomma, il mio consiglio è: evita di scopiazzare qua e là, prendendo spunto da quelli che consideri i migliori. Sarebbe un abito scomodo, che non ti calzerebbe a pennello. E poi, si sa, le bugie hanno le gambe corte. 😉

video-curriculum-that's-me

Giulia ha vinto! Pur nella sua giovane età, ha deciso di non scendere a compromessi con una società che ci suggerisce – leggi bene, IMPONE – modelli stereotipati, asetticamente perfetti. Ha deciso di puntare tutto sulla sua personalità, giocando un ambizioso all in su due carte, rivelatesi poi vincenti: sincerità ed essenzialità. Ci ha messo la faccia, e questo le è valso un contratto di somministrazione di lavoro della durata di due mesi. Niente per il quale potersi adagiare sugli allori, certo, ma è un segnale di speranza per il futuro.

I social media (in questo caso YouTube) sono il mezzo attraverso il quale ottenere quel livello di visibilità e attenzione pubblica altrimenti irraggiungibili. Come? Con un video curriculum creativo, per esempio! Giulia ha fatto ricorso ai suoi disegni, attraverso i quali racconta – anzi, si racconta, ché è sua la voce narrante – i momenti salienti della sua vita, i suoi punti di forza. Perfino i suoi dubbi e i suoi timori. Condivisibili, visto il mercato del lavoro sempre più strozzato che ci circonda.

Purtroppo, anche in questa storia a lieto fine, non mancano alcune ombre. Nel momento in cui scrivo, il video curriculum conta appena 60 visite. Una ciofeca. E’ la solita vecchia storia: quella di un Sud che non comunica, e di persone che hanno difficoltà a raccontarsi, a spendere le proprie competenze. Ma sono ottimista, e assolutamente fiducioso. Tu no? Be’, se la mia fiducia non è contagiosa, lo sia per te la storia di Giulia, che racchiude i colori dell’arcobaleno dopo la tempesta.

«Qualcosa può cambiare, con un po’ di volontà e ambizione… noi giovani siamo il futuro, e dobbiamo riprenderci lo spazio che invece e purtroppo ultimamente ci hanno tolto.»

Conoscevi la storia di Giulia? Chissà quanti altri episodi testimoniano il successo della promozione di sé (Personal Branding). Tu ne conosci qualcuno? Sono curioso, raccontameli!

Matteo Malacaria
Appassionato di web communication, guerrilla marketing e pubblicità emozionale. Affascinato dalla comunicazione d’impresa, mentre della birra artigianale ci sono rimasto sotto. Qualsivoglia cosa nel tempo libero – se ne rimane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here